I HATE BANANAS

“Dalla banana di Andy Wharol a quella tropicale. Un blog figlio della cultura pop, che racconta di moda, design, musica e vita il tutto letto in chiave streetstyle e super Fluo. Guardo, osservo e scrivo. Senza filtri, fatta eccezione per i miei. Il politically correct non è contemplato da queste parti, sconsigliato ai minori di 18 anni per testi espliciti e uno smodato uso di gatti e papere. “I hate bananas” è una finestra onesta sulla contemporaneità che intrattiene, informa su luoghi/brand/eventi non convenzionali e soprattutto diverte (almeno così dicono).

10632813_10152597871752530_1980559511133848328_n

Etica e Filosofia…spicciola!

Tutti i testi presenti in questo blog  passano direttamente dalla mia testa alla mia mano, con l’aiuto della tastiera del Mac. Ogni tanto mi avvalgo di contributors, opportunamente segnalati con Nomi&Cognomi, che gentilmente si appoggiano a questo spazio per parlare di cose di cui non sono pratica ma che mi incuriosiscono particolarmente, tipo i bambini e quelle cose “geek” talmente geek che io nemmeno mi ci metto a capirle. Con i miei articoli provo ad informare, condividere le mie scoperte, le mie passioni, i miei pensieri, presentare realtà poco conosciute e progetti che stimo. Ogni tanto ci infilo anche i miei di progetti, ma non è un luogo prettamente autoreferenziale. E’ un blog ironico, irriverente, a tratti stronzetto, ma mai cattivo. Se sei stufa/o dei quintali di outfit delle fashion blogger, delle ricette e dei consigli di bellezza, ed hai voglia di leggere, svagarti e farti due risate, sei nel posto giusto. Qui troverai sempre una porta aperta su un mondo a colori pronto ad accoglierti.

Carta dei Valori…in formato quotes!

Essere figa è uno stato mentale“. Anche perché se così non fosse il 90% della popolazione sarebbe fregato. Me compresa!

Style is an attitude.” Appunto, non basta seguire la moda per essere stilose. E’ una dote. Bisogna che io questa cosa la diffonda il più possibile, sia mai che la smettano di seguire tendenze a caso.

Life is too short to take style too seriously“. Ecco perché preferisco farci dell’ironia sopra.

Well done is better than well said”. Come dire, poche chiacchiere e muovere il culo. Ho sempre preferito fare piuttosto che parlare. Al massimo scrivo!

Do more of what makes you happy“. Più vado avanti con l’età e più cerco di fare solamente le cose che mi rendono davvero felice. O almeno ci provo. Tipo pagare le bollette non mi entusiasma, ma lo faccio lo stesso.

Salta e la rete apparirà“. Per stare al mondo ci vuole coraggio. E audacia. A volte ce l’ho, a volte mi manca. Posso mica essere perfetta?

Non è vero che per essere presi sul serio servono parole forbite. Anche le parolacce vanno bene. Le diceva anche Leopardi, ma se ne parla poco.” E ora ditemi che sono sboccata…

Bruttina che sorride è meno bruttina“. Personalmente penso che tutti dovrebbero sorridere di più. E prendersi meno sul serio. Un po’ di leggerezza non guasta mai. Quello che guasta sono le persone pesanti, musone, lamentose e che ti succhiano energia vitale. Ecco, queste le evito volentieri. Be positive!

Learning by doing“. Per imparare a fare bisogna fare. Insegnare è un privilegio, condividere il proprio vissuto e non solo nozioni è un plus.  Come diceva la Montessori “Per insegnare bisogna emozionare. Molti pensano ancora che se ti diverti non impari“.

La cura per ogni cosa è l’acqua salata: sudore, lacrime e il mare“. Sea-lover dalla nascita, Marina di nome e di fatto, alle lacrime preferisco il mare, ma non mi faccio mancare nessuno dei due. Anzi dei tre, che anche sudare è un’attività che pratico spesso!

Le persone che amano mangiare sono sempre le migliori“. Infatti io non cucino. Però mangio.

Life is about using the whole box of crayons“. Il mondo è a colori. Chi lo vede in bianco e nero si perde un pezzo importante. Il mio mondo, poi, è un bordello coloratissimo! Ma io ci sto tanto bene…

Copy…right?

Non sopporto quelli che copiano, che prendono senza chiedere e che sfruttano le tue idee senza nemmeno nominarti. Ecco! Tutti i contenuti di “I hate bananas” sono protetti da copyright Creative Commons  Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Se volete prendere dei pezzi di testo da ribloggare sui vostri blog basta semplicemente citare la fonte morgatta.wordpress.com/xxxpost. Se poi ti va di avvertirmi in qualche modo, io passo a farti un saluto e dirti grazie di persona! 🙂 Se invece ti piace tanto come scrivo e vuoi che io presti la mia penna per la tua rivista/magazine online/blog, scrivimi…collaboro sempre volentieri con i progetti che mi piacciono! marina@morgatta.com

2 pensieri su “I HATE BANANAS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...