#5 Scoprendo…CUP of MILK

ihatemamasdi Federica Primavori 

Chi ha aperto il mio armadio lo sa, tutti i miei vestiti sono neri, con giusto qualcosina di bianco qua e là! In realtà, con la maternità ho aggiunto diversi capi blu, ma di colore vero e proprio non se parla. L’armadio di Giuditta invece è un tripudio di colore!!!01-armadio-di-giuditta

Secondo me i vestiti per bambini devono essere così, colorati e divertenti, adatti alla loro età! Il nero? Assolutamente vietato! Da brava mamma, oltre al colore, presto attenzione ad altre caratteristiche: la qualità del tessuto, preferibilmente in fibre naturali come il cotone organico, e la comodità del capo, per consentire a Giuditta la massima libertà di movimento. Tutte queste caratteristiche le trovo da Cup of Milk a Firenze.02-cup-of-milk

Quando Carlo e Laura, i giovani proprietari di Cup of Milk, hanno deciso di aprire un negozio di abbigliamento per bambini hanno scelto di proporre alla clientela solo marchi di qualità, dalle collezioni colorate e divertenti confezionate con materiali naturali.03-abbigliamento-cup-of-milk 04-abbigliamento-cup-of-milk

La scelta è ricaduta quindi su marchi d’abbigliamento perlopiù scandinavi (Mini rodini, Poupshop, Soft gallery, Bang bang Copenhagen, Bellio) e olandesi (Kidcase, Imps and elfs), originali e dal buon rapporto qualità-prezzo, insieme allo spagnolo Bobo choses e al marchio italiano di scarpe Sonatina.05-abbigliamento-cup-of-milk

Mi sono innamorata di questo negozio dalla prima volta che l’ho visto, complice l’arredamento, essenziale, pulito, dalle tinte tenui e fluo insieme, perfetto per una cameretta! Come perfette potrebbero essere le nuvolette in feltro di The Butterflying o i nastri adesivi decorativi giapponesi Masking Tape.06-cup-of-milk07-cup-of-milkTra pochi giorni, esattamente dopo un anno dall’apertura, Cup of Milk sarà anche online. Sul sito cupofmilk.it sarà possibile acquistare dall’Italia e dall’Europa. Attenzione mamme fiorentine, voi potrete acquistare dal sito e ritirare l’ordine direttamente in negozio!08-cup-of-milk

Cup of Milk insieme a 100%birbe, di cui vi ho parlato un po’ di tempo fa, fa parte di Unusual Florence, un progetto che unisce 17 negozi non convenzionali del centro di Firenze!!! Se volete saperne di più leggete l’articolo della “zia” Mary…09-cup-of-milk

Cup of Milk, Borgo Pinti 6r 50121 Firenze

Mama’s gifts (regali stilosi da una mamma “di design”)

ihatemamasdi Federica Primavori

Una settimana al Natale e ancora non ho comprato alcun regalo, ma ho le idee ben chiare! La mia nanetta è ancora piccola, non scrive letterine al famoso Babbo e non esprime richieste. Per quest’anno sarò io a scegliere i suoi regali (e il babbo, quello vero). Non potrei essere più contenta!!!01

La casa (e con casa intendo ogni angolo della casa) è piena di giochi, bambole e peluche. Non so più dove metterli! Certa che altri giocattoli sono in arrivo, (non si può impedire a nonni e zii di regalare giochi alla nipotina) ho deciso di regalarle altro.02

 Nella cameretta di Giuditta a Natale arriverà Elephant di Vitra, un’icona di Design per bambini, disegnato nel 1945 dai fratelli Eames. Una seduta-giocattolo in polipropilene colorato (disponibile in 5 colori) da usare sia in casa che all’aperto. Un oggetto che resterà con lei per sempre.03

 Se anche voi volete regalare ai vostri bimbi un oggetto di design, visitate il sito di Vitra, oppure Me too di Magis, la collezione che il famoso marchio italiano ha dedicato ai bambini.04

Potrete trovare l’animale che più vi piace, o meglio l’animale che più piace ai vostri bambini, interpretato da famosi designer, come Puppy il cane di Eero Aarnio o Julian il gatto di Javier Mariscal.05 06

 Un altro regalo che ho deciso di mettere sotto l’albero per la piccola di casa è un libro.07Penso ci sia sempre bisogno di regalare libri ai bambini, si stimola la loro curiosità, anche quando sono così piccoli. All’inizio pensavo di regalarle una raccolta di fiabe, di Calvino o Rodari, magari illustrate da Bruno Munari. Ma alla fine ho scelto di regalarle “Young Frank, Architect “ di Frank Viva. Un libro a fumetti per bambini appena pubblicato da MoMA, in cui il piccolo protagonista esplora la collezione del famoso museo americano. Se anche voi volete regalare un libro ai vostri figli ma non sapete quale, ricordatevi di passare da Puntifermi, sono sicura troverete qualcosa che vi piace!

08

L’ultimo regalo che ho deciso di fare a Giuditta è un capo d’abbigliamento. Una felpa di Mini Rodini, marchio svedese nato nel 2005. Sul sito trovate l’intera collezione invernale (in cotone organico e materiali sostenibili che non è poco!!). Tra montagne innevate, pinguini, cavalli, fiocchi, cuori, volpi e panda alla fine ho scelto il leopardo!! Ce n’è per tutti i gusti!! Se non volete comprare dal sito, Mini Rodini lo trovate anche da Le petit bohemien a Reggio Emilia o da Cup of Milk a Firenze (di cui vi parlerò molto presto!!)09 10

Ve l’ho detto all’inizio che avevo le idee chiare sui regali. Ora devo solo aprire il portafoglio per comprare tutto e nascondere i pacchi, perché si sa, a Natale i regali non li fanno mamma e papà, li porta Babbo Natale!!!

Da “Designer Zone” a “Unusual Florence”

Nel lontano 2007, quando ancora esisteva il mio amato Concept StoreOpen“, decisi di dare vita ad un’iniziativa chiamata “Designer Zone“: “Ecco che prende vita “Designer Zone”, ovvero l’ufficializzazione di un movimento creativo/culurale/commerciale che coinvolge una zona geografica ben precisa della città, quella che va dalla fine di Borgo degli Albizi, Borgo Pinti e Piazza dei Ciompi da un lato e via Verdi, piazza S.Croce, via De’ Benci e Corso Tintori dall‘altra. In quest’area stanno proliferando (alcune anche da parecchio tempo) diverse realtà giovani e creative: negozi, laboratori, atelier, concept stores e “cool places” nei quali si producono e si commercializzano prodotti di abbigliamento, accessori, oggettistica, editoria veramente innovativi ed accattivanti.” Il tutto prese la forma di una mappa distribuita nei vari punti vendita (autoprodotta, figurati se il Comune di Firenze spreca del tempo ad appoggiare REALMENTE i giovani) e di una serie di iniziative portate avanti…per pochissimo tempo (purtroppo).  locandinainsideIl cappelletto nostalgico serve ad introdurvi un’iniziativa similare che ho scovato qualche tempo fa, che mi ha fatto sorridere e allo stesso tempo piacevolmente notare come a Firenze ci siano ancora realtà innovative che hanno voglia di farsi conoscere in maniera non-convenzionale, autonoma e autogestita (meno male, aggiungo). Si chiama Unusual Florence ed è una mappa di attività uniche, originali e portate avanti da giovani pieni di idee. Un circuito alternativo dove trovare bar, ristoranti, atelier, boutique, saloni di bellezza e librerie dall’appeal insolito, diversi dai soliti spazi a cui siamo visivamente ed esteticamente abituati (almeno qui a Firenze).1376986_1421433424747422_60743984_nSedici le realtà appartenenti a questo giro, equamente distribuite nel centro storico della città, in location più o meno visibili al pubblico, ma comunque facili da trovare. Dopotutto, le cose belle vanno cercate, piccoli tesori nei quali imbattersi mentre cammini distrattamente tra i soliti colossi del Lusso e le solite catene del Cheap. Non passeggio spesso, ma tutti questi posti nei quali mi sono imbattuta hanno catturato il mio sguardo, chi per un motivo chi per un altro, accomunati da un gusto fuori dall’ordinario: dai negozi per bambini con prodotti ricercati, alle boutique vintage ben studiate nel visual, ai caffè-libreria con cucina vegetariana fino a piccoli angoli bio-retrò che servono vino in calici di cristallo rubati alla nonna…e messi anche in vendita!1377181_1422001751357256_1471941704_n

Un percorso ben studiato ed una serie di attività dal sapore europeo che per un attimo fanno pensare di essere in un’altra città. Una boccata d’aria fresca e di novità che riaccende le speranze (almeno per me) in mezzo al piattume e all’omologazione imperante (e devastante). Per questo massimo appoggio e divulgazione di questa iniziativa (e delle altre che sicuramente avranno in programma).

1384164_1422002051357226_145515204_n

Alcuni di questi posti li conosco molto bene, altri devo ancora scoprirli. Ma presto li vedrete apparire tra le pagine del blog uno per uno. Intanto ve li elenco (in tutti questi posti potete trovare la comoda mappa cartacea, ma sul FB trovate tutte le info):

AMBLE’, http://www.amble.it/main/

AND COMPANY, http://andcompanyshop.com/

AQUAFLOR, http://www.aquaflorfirenze.com/

BAMBOLE, http://www.bambole-hairdressing.it/

BJØRK, http://www.facebook.com/bjorkflorence

BOUTIQUE NADINE, http://www.boutiquenadine.it/

BOUTIQUE NADINE, http://www.boutiquenadine.it/

BRAC, http://www.libreriabrac.net/brac/

CERI VINTAGE, https://www.facebook.com/CeriVintage

CUP OF MILK, http://cupofmilkfirenze.blogspot.it/

I VISIONARI, http://ivisionari.com/

MAGAZA, http://magazaimagearchive.com/

MICHELE CHIOCCIOLINI, http://www.michelechiocciolini.it/

OSTELLO TASSO, http://ostellotassofirenze.it/

VOLUME, http://volume.fi.it/

100% BIRBE, http://www.100birbe.com/

Quando passate da Firenze, cercate la mappa di Unusual Florence…almeno, oltre ai soliti ed immancabili giri turistici, potrete perdervi in qualcosa di nuovo. Finalmente!!! (e se fate delle foto usate #unusualflorence per condividerle…) 😉