Give&Shop: l’ecommerce fashion e sostenibile di Lablaco

Venerdì scorso, in una Milano incredibilmente calda e assolata, ho incontrato Lorenzo, ideatore di Give e Shop, due App nate con lo scopo di offrire un’alternativa sostenibile sul piano commerciale del sistema moda. Di fatto il primo e-commerce fashion ed etico, con un’importante componente social, che si propone di risolvere due problemi: uno legato all’esubero di rifiuti tessili (dovuto all’imperversare del fast fashion e dell’iper-consumismo), l’altro riguardante la distribuzione dei brand, ancora legati ad un filiera lunga, macchinosa ed ormai obsoleta. Lablaco è la società fondata da Lorenzo che con il suo team sta sviluppando questo progetto innovativo, ambizioso e decisamente necessario di questi tempi!

Lorenzo Albrighi non ha ancora compiuto trent’anni, ma di esperienze ne ha fatte già parecchie; ha gli occhi svegli, parla tantissimo ma soprattutto con cognizione di causa, perché le idee non gli sono piovute nella mente per caso, ma sono il frutto di problematiche riscontrate sul lavoro nella vita di tutti i giorni (e della voglia di risolvere). Sarto per passione, stilista per vocazione, quando dall’atelier fiorentino al secondo piano di un palazzo in via Tornabuoni decise di passare dalla sartoria al pret-a-poter, si è ritrovato subito a dover fare i conti con la distribuzione e i primi problemi per un giovane sconosciuto che si affaccia timidamente al mondo della moda. Sensibile ai temi ambientali legati all’inquinamento prodotto dall’industria dell’abbigliamento e dagli stessi abiti dismessi, ha immaginato di poter risolvere entrambe le problematiche con un sistema circolare: compri, usi e rimetti in circolo. Tutto comodamente a portata di smartphone! 

GIVE è già in distribuzione da diversi mesi ed è una app dall’interfaccia pulito, rapido ed intuitivo con la quale “donare” a 0€ capi ed accessori che ormai non mettiamo più. Una sorta di baratto internazionale, un luogo virtuale dove condividere il proprio guardaroba per sbarazzarsi dei “non messi” facendo felice un’altra persona a costo zero. Il prezzo è solo quello della spedizione che è a carico del destinatario, ma grazie alla collaborazione con il corriere DHL ha un prezzo per l’Italia che si aggira intorno ai 10€ (senza tralasciare che ti troverai l’omino per il ritiro direttamente sotto casa; la cosa bella è che è tutto collegato). Altrimenti, in quanto social network in piena regola, è anche possibile incontrarsi di persona e scambiare dal vivo, favorendo non solo da dimensione sociale dentro la rete, ma anche quella nella vita reale! Scambiare è modo più immediato per essere sostenibili: quando si produce un po’ meno il pianeta ringrazia! 😉

SHOP è la sorella di GIVE, disponibile da metà di questo mese in versione beta ma ottimizzata e distribuita ufficialmente da settembre, sarà un marketplace dove poter scoprire e acquistare direttamente i prodotti dai designer e negozi preferiti. Una distribuzione senza filtri direttamente dal produttore al cliente finale in una piattaforma on-line; si potrà trovare tutto tramite #hashtag e parole chiave, una sorta di “Spotify della Moda“, dove il cliente ha a disposizione un bacino immenso di marchi e prodotti provenienti da tutte le parti del mondo che può acquistare senza il ricarico di mille intermediari (oggi si passa da marchio—>distributore—>rappresentante—>negozio—>cliente!!!). Il vantaggio è anche per i designer, che in questo modo potranno entrare in contatto direttamente con il pubblico, avendo la possibilità di essere trovati senza dover impazzire per cercare di entrare sul mercato grazie a qualcuno che ti rappresenta e porta in giro le tue creazioni! Ogni profilo utente ha anche una sorta di bacheca dove poter caricare non solo prodotti ma anche foto di ispirazione, di lavoro dietro alle quinte e dove proporre abbinamenti: uno strumento in più per ogni venditore per farsi conoscere a 360°, per il cliente per mostrare le proprie preferenze ad altri utenti e dare suggerimenti di stile.

Lorenzo mi ha fatto vedere entrambe le app sul suo telefono, passando dall’una all’altra (e alla CHAT, una live mail pensata appositamente per designer e per chi fa mestieri legati alla creatività) in maniera talmente veloce che per un istante mi sono sentita vecchia; in realtà è tutto davvero semplice, rapido e con una sola registrazione puoi effettuare mille operazioni rimanendo all’interno dello stesso “circuito“, in un sistema circolare che pensa davvero all’ambiente e alle persone. Quando parla gli si illuminano gli occhi, anche mentre mi racconta degli inizi e delle difficoltà che ha incontrato quando stava per mandare tutto all’aria; fortunatamente non ha ceduto ed ha continuato a credere e perseguire i suoi obiettivi con energia e di voglia di fare; e questo è solo l’inizio. Trovo che il progetto sia davvero interessante e, mentre carico i primi oggetti su GIVE, penso che è anche grazie a persone come Lorenzo che si può davvero costruire un futuro migliore o se non altro alternativo! Per scaricare la APP basta andare sull’APP Store. Per tutti gli aggiornamenti ci sono sito, facebook e instagram. Per iniziare a fare qualcosa di concretamente sostenibile basta iniziare!